Registri telematici da semplificare: no alla doppia dichiarazione

Con una lettera rivolta a Stefano Vaccari, Capo Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF), abbiamo chiesto un intervento per la semplificazione del sistema dei registri telematici. Dal 2017 noi Vignaioli siamo costretti a una doppia registrazione di alcune operazioni. Un meccanismo complicato e inefficace, da eliminare al più presto.

Su questo tema avevamo già chiesto l’intervento del Ministro Centinaio, potete leggere le nostre richieste in questo link: Doppia dichiarazione.

 

La lettera completa 

Gent.le
Dott. Stefano Vaccari
Capo Dipartimento ICQRF
ROMA

Verona, 26/10/2020

Gentile Dottor Vaccari,
Mi permetto di porre alla Sua attenzione una richiesta che arriva da tanti vignaioli di tutta Italia. Ci troviamo infatti, già dal 2017,  anno di avvio dei registri telematici, a dover duplicare la registrazione di alcuni movimenti (ad esempio le operazioni di imbottigliamento e confezionamento), operazioni che vanno registrate sia sul portale degli Organismi certificazione dei vini DOC e IGT sia sul portale SIAN. In fase di avviamento dei registri telematici ci era stato detto che questa doppia registrazione sarebbe stata solo temporanea ma, ad oggi, la tanto sperata semplificazione non è ancora stata introdotta. Le chiedo pertanto se sia possibile implementare il sistema così da far sì che questa duplicazione delle registrazioni venga eliminata.
Fiduciosa in un Suo positivo riscontro,
Cordiali saluti,

Matilde Poggi
Presidente FIVI

< News & Eventi