Nuova posizione dell’Unione europea sul termine “vino naturale”

A settembre 2020 la DG Agri affermava in una nota che il termine “naturale” potesse risultare ingannevole per il consumatore. Circa sei mesi dopo la Commissione europea ha preso nuovamente posizione sulla vicenda.

Nelle ultime settimane infatti la Commissaria europea per la Salute e la Sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, ha affermato che la Commissione non considera il termine “naturale né un’indicazione nutrizionale né un’indicazione sulla salute.

Per l’UE il termine rientra nel campo delle informazioni volontarie al consumatore. Come ogni altra informazione volontaria, ricorda la Commissaria, l’ammissibilità e la liceità dell’uso del termine deve essere accertata dalle Autorità nazionali di controllo.

< News & Eventi