La forza dei territori: FIVI dialoga con le Regioni

Oltre ad aver scritto alla Ministra Bellanova e al Ministro Gualtieri, dal momento che molte delle decisioni che verranno prese saranno in capo alle singole Regioni, alcune delegazioni FIVI si sono mosse scrivendo direttamente alle amministrazioni regionali.

Quello che ci preme ottenere è innanzitutto l’accreditamento ai Tavoli Regionali in modo da poter essere il più possibile presenti e incisivi. Oltre alla richiesta di accreditamento sono state avanzate diverse proposte, che vanno dalla domanda di misure per lo stoccaggio fino alla reintroduzione dei voucher. In generale chiediamo sburocratizzazione e misure finanziarie.

Hanno scritto, al momento, le delegazioni di Emilia Romagna, Lombardia, Puglia, Campania, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Marche. La Regione Lombardia, l’unica ad aver risposto per ora, si è detta disponibile a un incontro e ad accreditare la FIVI al Tavolo Regionale.

Un’altra richiesta molto importante inoltrata da Veneto, Emilia Romagna e Piemonte riguarda invece la vendemmia 2020. Qualora fosse prevista una riduzione di resa rivendicabile per alcune denominazioni, è stato chiesto che i superi di campagna vengano direttamente proporzionati alla DOP da cui derivano. La finalità è di non alimentare mercati paralleli alla denominazione oggetto dell’intervento, poiché in caso contrario verrebbe erose ulteriori quote di mercato, a discapito della qualità.

< News & Eventi