La rappresentatività nei consorzi

Il contesto

La rappresentatività all’interno dei consorzi è oggi normata dal D.Lgs 61/2010, che prevede l’ammissione di viticoltori singoli o associati, di vinificatori e di imbottigliatori. Questi possono votare in misura ponderale alla quantità prodotta nella precedente campagna vendemmiale e se il consorziato svolge più di una funzione i voti si cumulano. Ciò ha portato al dominio delle cooperative di primo e secondo grado nei consorzi più importanti.

Altro problema è quello degli organismi di vigilanza e certificazione. Capita spesso infatti che Presidenti e Direttori di consorzi siano nel CDA di questi ultimi, e che quindi governino anche il sistema dei controlli.

Le richieste FIVI

Quello che FIVI propone per risolvere il problema e far tornare vivace la vita all’interno dei consorzi è che le votazioni nell’assemblea debbano continuare a contare sulla maggioranza della produzione, ma che, accanto a questa maggioranza, debba aggiungersi una coerente percentuale di attori della filiera, che FIVI ha identificato nel 40% degli iscritti al Consorzio. La richiesta è anche che le deleghe vengano raccolte in occasione di ogni assemblea.

Quello che FIVI chiede è anche di creare una separazione netta fra gli organismi di amministrazione e quelli di controllo istituendo il divieto di cumulo di cariche. Per evitare ogni problema FIVI chiede l’istituzione di un intervallo minimo di 5 anni fra la cessazione del ruolo all’interno dei consorzi e la possibilità di diventare amministratore o dirigente di un organismo di controllo.

Per approfondire

FIVI: il meccanismo di voto nei consorzi di tutela va rivisto

FIVI in Commissione Agricoltura alla Camera chiede la proroga per il registro telematico

FIVI Romagna dice no al nuovo spumante

FIVI porta le istanze dei Vignaioli al Ministro Centinaio

Consorzi di Tutela ed Enti di certificazione: FIVI in vista del Mercato ribadisce le proprie richieste

Le istanze presentate al Ministro Centinaio

← Tutte le Istanze