FIVI ribadisce il proprio si al mantenimento dell’attuale normativa sui diritti d’impianto

I Vignaioli Indipendenti dicono no a una liberalizzazione senza regole, che metterebbe a rischio il patrimonio europeo di aree colturali vocazionali, frutto del lavoro secolare dei Vignaioli.

FIVI-ribadisce-il-proprio-si-al-mantenimento-dellattuale-normativa-sui-diritti-dimpiantoIl 21 settembre si riunirà a Palermo il “Gruppo ad Alto Livello” creato dalla Commissione Europea per valutare le conseguenze della liberalizzazione dei diritti di impianto dei vigneti prevista dalla OCM (Organizzazione Comune del Mercato), che entrerà in vigore nel 2016.

L’abolizione dell’attuale collaudato sistema potrebbe creare fenomeni di “delocalizzazione produttiva” favorendo l’impianto dei vigneti in aree colturali non vocazionali, mettendo così inevitabilmente a rischio il capitale ambientale, paesaggistico, storico e culturale delle regioni viticole europee. E quindi il lavoro e l’impegno profuso da moltissimi Vignaioli.

Il NO di FIVI e CEVI nasce dalla convinzione che l’Italia e l’Europa debbano salvaguardare il proprio patrimonio d’eccellenza senza cedere allo spauracchio dello squilibrio dei mercati.
Un importante studio dell’AREV, Assemblée des Régions Européennes Viticoles, “sugli impatti socio-economici e territoriali della liberalizzazione dei diritti di impianto”, dimostra come l’assenza del sistema di regolazione degli impianti presso le aree vitivinicole concorrenti del Nuovo Mondo non ha in realtà permesso loro di evitare lo squilibrio del mercato. Invece il sistema dei “diritti di impianto” europeo non ha affatto bloccato lo sviluppo del “vigneto Europa”, anzi ha permesso la creazione di nuove superfici solo nelle regioni in cui gli sbocchi commerciali chiedevano crescita (Italia, Francia…).
Per queste ragioni FIVI e CEVI sono impegnate da tempo in una intensa opera di dialogo e sensibilizzazione trasversale nei confronti di tutti gli Europarlamentari Italiani presenti a Bruxelles.

Per queste ragioni FIVI e CEVI ribadiscono il NO alla liberalizzazione senza regole ed il loro SI ad un nuovo sistema di gestione delle produzioni che dia giusta voce al mercato e anche a chi la vigna la impianta e la coltiva: il Vignaiolo italiano ed europeo.

FIVI, Federazione Italiana dei Vignaioli Indipendenti nasce nel 2008 con lo scopo di rappresentare la figura del Vignaiolo di fronte alle istituzioni.
L’impegno non è piccolo, né semplice, perché spesso le grandi questioni che riguardano i piccoli produttori vengono dibattute in sede europea. Grazie anche alla stretta collaborazione con CEVI (Confédération Européenne des Vignerons Indépendants), FIVI sta compiendo alcuni importanti passi verso la tutela dei diritti di tutti i Vignaioli, autentici custodi del territorio che ogni giorno vivono, e di cui tutti possiamo godere anche grazie a loro.

Attualmente FIVI conta oltre 650 Vignaioli associati, molti dei quali saranno presenti al

MERCATO DEI VINI DEI VIGNAIOLI INDIPENDENTI, esperienza di aggregazione, dialogo e scambio fra Vignaioli e visitatori, offrendo la possibilità a chi lo desidera di acquistare direttamente.
Il Mercato, alla sua 2ª edizione, si svolgerà SABATO 1 E DOMENICA 2 DICEMBRE, a Piacenza Expo, il polo fieristico accanto al casello autostradale Piacenza Sud, facilmente raggiungibile in un’ora da Milano, Brescia, Bergamo, Verona, Mantova, Parma, Reggio Emilia, Alessandria, Voghera.

 

F.I.V.I. Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti – www.fivi.it
Ufficio Stampa: Laura Sbalchiero, 347 9769267
laurasbalchiero@gmail.com