FIVI al Vinitaly: un dossier aggiornato per snellire la burocrazia

Sono sette le richieste che la FIVI fa al legislatore. Dai registri telematici ai controlli in azienda, dai documenti per la spedizione alle commissioni di degustazione
Si vestiranno tutti con la stessa maglietta per lanciare un messaggio forte contro la burocrazia. I 115 vignaioli presenti allo stand FIVI hanno scelto il Vinitaly per ribadire ancora una volta le difficoltà che le piccole e medie aziende vitivinicole si trovano ad affrontare tutti i giorni per far fronte ai tanti adempimenti previsti dalla legge.

Una protesta che però vuole essere soprattutto costruttiva. Consapevole del grande malcontento e della preoccupazione che aleggiano sulla testa di molti vignaioli italiani e che hanno portato ad aggregazioni spontanee e proteste, la FIVI ha rimesso mano al Dossier Burocrazia aggiornandolo e integrandolo, nell’interesse di tutti i Vignaioli italiani. Sono sette le richieste puntuali che FIVI fa al legislatore.

“Le nostre sono tutte proposte concrete – dichiara Saverio Petrilli, Segretario Nazionale FIVI – ma soprattutto sono nate in campo, dal disagio che abbiamo raccolto e continuiamo a raccogliere dai nostri associati, aziende di piccole e medie dimensioni”.

Il dossier burocrazia tocca ovviamente il discorso del SIAN, il nuovo registro telematico, di cui si chiede l’entrata in vigore solo quando il sistema avrà dimostrato un funzionamento stabile e affidabile, e all’interno del quale si chiede venga aggiunta la possibilità di emissione del documento Intrastat per le spedizioni all’estero. Tema questo molto caro alla FIVI, che richiede anche l’innalzamento del limite attuale per la spedizione di vino confezionato ai privati da 90 a 180 litri, soprattutto in un periodo in cui le vendite a distanza hanno un sempre maggior peso nell’economia delle aziende vitivinicole.

La FIVI rinnova anche la richiesta che vi sia uno strumento telematico di condivisione delle visite in azienda tra tutti gli enti preposti ai controlli, in modo da evitare inutili duplicati e diradare le ispezioni alle aziende virtuose, e ripropone anche la richiesta di inserire produttori vitivinicoli nelle commissioni di degustazione delle DOC e DOCG

Nel dossier trovano spazio anche richieste in merito ai corsi per i patentini delle macchine agricole e all’utilizzo delle fecce e vinacce in campo agronomico, oggi di fatto quasi impossibile anche per il divieto di compostaggio. Ma anche la richiesta di rivedere le procedure di aggiornamento degli attuali sistemi di monitoraggio regionale del patrimonio viticolo e della creazione di uno strumento che misuri l’accumulo di metalli pesanti nei suoli per poterne valutare la vulnerabilità, per consentire ai produttori di acquisire piena consapevolezza in merito alla propria attività e ai consumatori di rinnovare la propria fiducia nella qualità del lavoro dei vignaioli italiani.

Scarica il dossier completo

< News & Eventi